Regionali in Calabria, Salvini spariglia le carte: “Stiamo cercando candidato”

In un comizio a Catanzaro il leader del Carroccio ha fatto intendere di non convergere su Occhiuto, candidato di Forza Italia. "La Lega ci sarà. Tanta gente è con noi. Valuteremo"

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019
Salvini a Catanzaro, su regionali cerchiamo candidato
Salvini a Catanzaro

“La Lega ci sarà, per la prima volta, alla Regione Calabria, perché al di là delle inchieste, che non commento, c’è una terra in cui mancano strade, autostrade, ferrovie, porti, infrastrutture, piani spiaggia, viadotti”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a Catanzaro, a proposito delle prossime elezioni regionali.

In Calabria “c’è una disastro sanitario e quindi bisogna ricostruire una splendida terra, a partire dal lavoro, dalla sanità e dalle infrastrutture”, ha spiegato il vicepremier.

Ringraziandoti per il seguito, sarebbe cosa gradita un MI PIACE sulla nostra nuova pagina di Facebook

“Come Lega siamo pronti. Non chiedetemi nomi e cognomi. C’è tantissima gente che si sta mettendo a disposizione della Lega, sceglieremo i migliori”, ha proseguito il leader del Carroccio facendo intendere che l’ultima parola per le prossime regionali spetta alla Lega, forte del suo consenso da Nord a Sud.

Non è escluso che il Carroccio, dato nei sondaggi in Calabria a oltre il 25% cerchi un altro candidato non indicato dai vertici calabresi di Forza Italia, che a detta di molti hanno già “forzato” la mano candidando alla presidenza il sindaco di Cosenza Occhiuto, senza però il placet esplicito di Berlusconi e della Meloni, leader di Fratelli d’Italia. Il centrodestra, secondo i più informati, sarebbe quindi alla ricerca di un “secondo candidato”, che potrebbe essere espressione della Lega.

Un gruppo di persone dei centri sociali durante il comizio ha contestato Salvini. Lui dal palco: “Sento delle zanzare, delle mosche, andate a trovare Oliverio”, ha detto il ministro dell’Interno.

“Anche per questo – ha concluso il leader leghista – al governo ci stiamo occupando di educazione e regole, e comunque queste cose non mi fanno paura nemmeno un po’. No a 50 sfigati dei centri sociali”. In chiusura del comizio, dove erano presenti migliaia di persone, Salvini ha fatto numerosi selfie con i suoi sostenitori.