‘Ndrangheta, il boss Francesco Pelle è irreperibile

L'uomo, su una sedia a rotelle, si è dato alla macchia dopo che la Cassazione lo ha riconosciuto come il mandante della strage di Natale del 2006 in cui fu uccisa Maria Strangio, moglie del capoclan rivale Gianluca Nirta

Carlomagno Faro istituzionale

Ndrangheta, boss Francesco Pelle è irreperibile

Il boss della ‘ndrangheta Francesco Pelle detto “Ciccio Pakistan” si è reso irreperibile, ed è attualmente latitante, dopo la conferma della condanna in Cassazione che lo ha definitivamente riconosciuto il mandante della strage di Natale del 24 dicembre 2006 in cui fu uccisa Maria Strangio, moglie del capoclan avversario Gianluca Nirta. Episodio, che nella faida di San Luca tra i Pelle-Vottari ed i Nirta-Strangio, determinò la strage di Ferragosto a Duisburg, in Germania, con 6 morti. La notizia è stata confermata in ambienti investigativi citati dall’Ansa.

Pelle, che è sulla sedia a rotelle dopo essere stato ferito in un agguato il 31 luglio del 2006 ad Africo, era sottoposto all’obbligo di dimora a Milano. Dopo il rigetto del suo ricorso si è reso irreperibile prima di finire in carcere. Secondo quanto appreso dall’agenzia, l’allontanamento del boss risale ad una quindicina di giorni fa.

Pelle era stato arrestato dai carabinieri nel settembre 2008 in una clinica di Pavia dopo un anno circa di latitanza. Nell’agguato del Natale 2006, la vittima predestinata era Gianluca Nirta, ma sotto i colpi dei sicari morì la moglie ed altre quattro persone, tra le quali un bambino, rimasero ferite. Fu quell’episodio, secondo l’accusa, a scatenare la reazione di Giovanni Strangio, cugino di Maria, condannato all’ergastolo in quanto ritenuto ideatore e uno degli esecutori della strage di Duisburg.