Il Csm designa il magistrato Camillo Falvo a procuratore di Vibo

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Il magistrato Camillo Falvo

La quinta Commissione del Csm ha proposto ieri all’unanimità il magistrato Camillo Falvo a ricoprire il ruolo di Procuratore capo della Repubblica di Vibo Valentia. Falvo, da qualche anno alla procura distrettuale di Catanzaro, se vi sarà il via libera definitivo da parte del plenum succederà a Bruno Giordano, il magistrato a capo della procura vibonese scomparso nel dicembre 2018.

“E’ una splendida notizia per un territorio che ha vitale necessità di un’azione forte e determinata della magistratura inquirente”. E’ quanto afferma il deputato di Fratelli d’Italia Wanda Ferro, segretario della Commissione parlamentare antimafia, in attesa della definitiva assegnazione da parte del plenum del Consiglio superiore della magistratura.

“Il dott. Falvo, da anni in forza alla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ed attualmente tra i più stretti collaboratori del procuratore Nicola Gratteri, conosce bene il territorio Vibonese e le sue dinamiche criminali, avendo coordinato importanti inchieste contro la ‘ndrangheta e il narcotraffico. Con le sua capacità e la sua grande esperienza – conclude Wanda Ferro – Falvo sarà in grado di dare nuovo slancio alla Procura vibonese, assicurando un indispensabile raccordo e una stretta sinergia tra la Procura ordinaria e la direzione distrettuale antimafia”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER