Processo Breakfast, pm: “Escludere aggravante mafiosa per Scajola”

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Claudio Scajola ai tempi in cui era ministro (Ansa)

Escludere l’aggravante mafiosa: è la richiesta che il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo ha fatto nella requisitoria del processo “Breakfast” in cui è imputato l’ex Ministro dell’Interno Claudio Scajola, attuale sindaco di Imperia.

Insieme a Scajola sono imputati nel processo, con l’accusa di procurata inosservanza della pena in favore dell’ex parlamentare di Forza Italia Amedeo Matacena – latitante a Dubai e condannato definitivamente a tre anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa – Chiara Rizzo, moglie di Matacena, e Maria Grazia Fiordelisi e Martino Politi, collaboratori della famiglia Matacena.

Nel corso dell’udienza di oggi è prevista la conclusione della requisitoria del pm Lombardo, con la formulazione della richieste al Tribunale.