Noleggiano barca a vela per portare clandestini in Italia, arrestati

Due ucraini avevano noleggiato in Sicilia un veliero e si stavano dirigendo in Turchia per prelevare immigrati da riportare illegalmente in Italia. Fermati a Reggio dalla Polizia


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Migranti a Crotone a 5.000 euro a testa. Acciuffati tre scafistiAvevano noleggiato un veliero in Sicilia e si stavano dirigendo verso le coste della Turchia per prelevare migranti da portare illegalmente in Italia. E’ l’accusa con la quale la Squadra mobile di Reggio Calabria e lo Sco, con il coordinamento del Procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni e del pm Sara Amerio, hanno fermato due persone di nazionalità ucraina di 71 e 45 anni, gravemente indiziate di appartenere ad un’organizzazione criminale transnazionale dedita al traffico di migranti.

Il fermo dei due ucraini risale al 19 dicembre, giorno in cui il veliero su cui viaggiavano, secondo quanto riferisce in una nota stampa la Questura di Reggio Calabria, è stato soccorso dalla Capitaneria di porto reggina perché trovatosi in difficoltà a causa delle avverse condizioni marine.

Dalle indagini è emerso i due ucraini erano arrivati a Catania e poi in provincia di Messina, dove avevano noleggiato il veliero per 3.800 euro con lo scopo di organizzare un viaggio di migranti dalla Turchia alla Calabria.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb