Busta con minacce nel resort di Callipo. Indagini. Candidato chiede chiarezza


Pippo Callipo

Una busta con all’interno un uccellino morto ed una frase esplicita di minaccia è stata trovata da una pattuglia dell’Arma dei carabinieri nel parcheggio del resort di proprietà di Pippo Callipo, candidato alla Presidenza della Regione Calabria col sostegno del Pd.

I militari erano in normale servizio di controllo quando hanno scoperto la busta. Nel biglietto trovato all’interno non c’era il nome di Callipo o riferimenti espliciti all’imprenditore. Non è al momento chiaro se l’intimidazione sia legata alla sua attività politica o imprenditoriale.

Immediate sono scattate le indagini dei carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia per cercare di fare chiarezza sull’episodio e risalire all’autore del gesto. Il resort di Callipo, il “Popilia country resort” di Maierato, nel 2016 fu oggetto di una grave intimidazione quando, nella notte tra il 2 ed il 3 aprile, ignoti spararono 11 colpi di pistola contro il cancello della struttura.

La reazione di Callipo: “Forse scherzo di pessimo gusto, ma chiedo chiarezza”
“Stamattina ero in visita a una bella realtà agricola nel Lametino quando sono stato avvisato dal direttore del Popilia Country Resort del ritrovamento di cui è già emersa notizia. Non intendo commentare ulteriormente questo episodio, che potrebbe essere anche riconducibile a uno scherzo di pessimo gusto tra alcuni dipendenti della struttura, se non per ribadire una volta di più la mia fiducia incondizionata nelle forze dell’ordine e nella magistratura che, sono sicuro, faranno chiarezza sulla vicenda”. Lo dice in una nota Pippo Callipo dopo il ritrovamento nel suo resort di una busta contenente minacce.