Gratteri vince la sua prima “sfida”. Alla procura l’ex ospedale militare

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Gratteri vince la sua sfida. Alla procura l'ex ospedale militare
L’ex ospedale militare di Catanzaro sarà sede della cittadella giudiziaria

A meno di due settimane dall’insediamento del procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, il consiglio comunale del capoluogo ha approvato la delibera con la quale il Comune assegna in concessione per 99 anni al Demanio, l’ex Ospedale militare, già caserma Osservanza di Catanzaro, da destinare alla Procura della Repubblica per l’istituzione della “Cittadella giudiziaria” all’interno del quale saranno allocati anche gli uffici del Commissario per gli usi civici della Calabria.

L’assemblea consiliare lo ha deciso all’unanimità dei presenti, dopo un ampio dibattito seguito all’introduzione dell’atto da parte del sindaco Sergio Abramo, “il quale – è detto in una nota – ha sviluppato un excursus del lungo e articolato iter che ha portato all’acquisizione al patrimonio comunale dell’importante e storica struttura”.

Prima della discussione sull’ex ospedale militare, l’Aula, presieduta da Ivan Cardamone, ha proceduto alla surroga del consigliere Francesco Leone, deceduto poco tempo fa, con il primo dei non eletti, Francesco Scarpino.

Nel suo insediamento, il neo procuratore capo del capoluogo, Nicola Gratteri, aveva espressamente chiesto, quasi a mo’ di sfida (“O ce lo danno o ce l’andiamo a prendere…”) che l’ex ospedale militare venisse destinato alla Procura della Repubblica. Dopo il via libera dell’assise catanzarese diventerà la “Cittadella giudiziaria” di Catanzaro.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER