Indagati due medici per il 47enne morto dopo un intervento


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

medici in corsiaÈ stata eseguita sabato l’autopsia sul corpo di Romolo Cappuccino, il 47enne di Soverato deceduto subito dopo essere stato sottoposto a un intervento in artroscopia al ginocchio. Il titolare del fascicolo, il sostituto procuratore Graziella Viscomi, ha dato incarico a due medici Mirko Massimilla e Bruno Amantea.

Prima dell’esame autoptico la Procura della Repubblica di Catanzaro ha fatto recapitare due avvisi di garanzia a un anestesista e a un chirurgo della clinica Villa Serena di Catanzaro per consentire anche ai due indagati di nominare dei propri consulenti per l’autopsia.

I risultati si avranno fra 60 giorni. L’episodio è avvenuto mercoledì sera quando l’uomo subito dopo l’intervento, effettuato in anestesia locale, ha avvertito un malore. Nonostante il pronto intervento dei sanitari, l’uomo è deceduto. I suoi familiari si sono rivolti all’autorità giudiziarie per verificare le cause della morte.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER