Ancora successi per Stefano Caccavari: arriva il Mulino sostenibile


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Stefano Caccavari
L’imprenditore calabrese Stefano Caccavari

Un nuovo primato per Stefano Caccavari, l’imprenditore di 28 anni che a San Floro, piccolo centro in provincia di Catanzaro, ha inventato l’orto di famiglia. Il prossimo 31 gennaio, infatti, alle 18 sarà inaugurato il primo casolare in Calabria costruito in bioedilizia, all’interno del quale sono state messi in funzione due antichi mulini a pietra.

L’opera è stata realizzata in soli 120 giorni e il 31 aprirà ufficialmente le sue porte a tutti i soci della “Mulinum srl”, la società nata nel maggio 2016 attraverso una mobilitazione sui social network e che nel giro di tre mesi, attraverso il crowfunding, ha raccolto la cifra record di 500mila euro.

Record perché nel mondo non si è mai vista una startup agroalimentare entrare sul mercato con un capitale così alto e investito da persone fra loro sconosciute, accomunate solo dal fatto di amare il cibo coltivato secondo tradizione.

Guarda il video di Stefano Caccavari in cui spiega il successo dell’iniziativa

“Siamo riusciti a realizzare questo miracolo in Calabria – racconta oggi Caccavari, la cui storia ha fatto il giro del mondo – la regione che secondo gli indicatori economici è l’ultima d’Europa e, invece, con un po’ di buona volontà e un pizzico di sana follia stiamo scrivendo una pagina di partecipazione e impegno senza precedenti”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER