Morte Leandro Celia, incredulità e lacrime a scuola

Carlomagno Lancia Ypsilon Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Il luogo della tragedia sui binari a Soverato. Nel riquadro Leandro Celia
Il luogo della tragedia sui binari a Soverato. Nel riquadro Leandro Celia

Occhi lucidi e tante lacrime. Così si sono presentati a scuola i ragazzi della media Foscolo di Soverato, frequentata da Leandro Celia, il tredicenne di Petrizzi investito da un treno ieri sera mentre, insieme a due coetanei rimasti illesi, stava facendo un selfie lungo i binari.

Il dirigente della scuola Maria Spanò, insieme a tutti i docenti, ha riunito i ragazzi per spiegare quanto è successo. “Abbiamo ricordato Leandro – ha detto la dirigente, visibilmente commossa – leggendo alcuni suoi temi. Era arrivato nella nostra scuola l’anno scorso ed in un un lavoro esprimeva le preoccupazioni per l’ambiente nuovo e la paura di non legare.

Poi spiegava che aveva fatto amicizia e che con gli insegnanti il rapporto era buono. Abbiamo cercato di spiegare ai ragazzi che la tragedia deve servire come monito. E’ giusto che si divertano ma con coscienza e senza mettere a rischio il bene più prezioso, la vita. Siamo sgomenti, scioccati. Leandro era un ragazzo d’oro, studioso, benvoluto da tutti”. (Ansa)

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM