Piano “Fitti zero”, l’impegno di Viscomi per ridurre i costi degli affitti passivi

Il Vicepresidente della Regione Calabria, Antonio Viscomi
Il Vicepresidente della Regione Calabria, Antonio Viscomi

Il Vicepresidente della Giunta regionale Antonio Viscomi ha presieduto una riunione per verificare lo stato di attuazione del Piano “Fitti zero”, alla quale hanno partecipato i dirigenti dei settori Patrimonio ed Economato Forte e Palmisani della Regione Calabria.

Il Piano “Fitti zero” consiste nella valorizzazione degli immobili di proprietà regionale al fine di ridurre i fitti passivi in modo che la Regione non paghi dei fitti a soggetti privati anziché allocare il proprio personale negli immobili di proprietà.

“All’esito della riunione, – informa una nota – nel corso della quale sono state analizzate anche le difficoltà di vario genere e di varia origine nell’azione di dismissione degli immobili gravati da fitti passivi nelle varie località, la situazione può essere sinteticamente descritta così: a Reggio Calabria sono stati avviati i lavori di adeguamento dell’immobile di via Modena, allo scopo di consentire l’allocazione ottimale del personale che lavora in altre sedi e l’implementazione di adeguati sistemi tecnologici.

A Vibo Valentia, nei prossimi giorni, prenderanno il via i lavori di adeguamento dei piani di interesse del palazzo Aterp ed inoltre, venuta meno la disponibilità dell’Arpacal a condividere degli spazi nella propria sede, è stata stipulata una convenzione con il Corap che ha messo a disposizione due interi piani, in modo da consentire l’allocazione integrale anche del personale che ora opera nella sede della Provincia.

I lavori presso l’immobile Sorical sono ormai prossimi alla conclusione. A Cosenza, la soluzione privilegiata rimane sempre l’allocazione integrale del personale a “Vaglio Lise”, per la quale si è in attesa delle determinazioni della nuova amministrazione provinciale. Per quanto riguarda Crotone, è stato approvato l’adeguamento dell’immobile Sorical ma, anche qui, si è in attesa delle determinazioni che assumerà la nuova amministrazione per quanto riguarda l’immobile oggi parzialmente adibito ad uffici regionali.

Nel contempo, si sta procedendo ad una razionalizzazione della distribuzione degli uffici sparsi sul territorio regionale che passeranno, nella provincia di Cosenza, da ventiquattro a cinque, tutti rigorosamente in immobili di proprietà regionale, mentre nelle province di Catanzaro e Crotone saranno concentrati tutti nella sede principale. Nel corso della riunione è stata pure affrontata la questione dell’efficientamento energetico degli immobili ricompresi nel Piano “Fitti zero” anche mediante la sperimentazione dei cosiddetti “tetti verdi”, oggetto di un progetto di ricerca comunitario dell’Università della Calabria.

All’esito della riunione, Viscomi ha ringraziato i dirigenti per l’impegno fino ad ora profuso ed ha chiesto loro uno sforzo ulteriore per portare a veloce compimento un progetto di razionalizzazione delle risorse il cui valore non è dato solo dal risparmio economico in sé considerato ma, piuttosto, dalla dimostrazione che, nonostante tutte le difficoltà, le cose possono cambiare nell’interesse esclusivo dei cittadini calabresi”.