Prende a mazzate e tenta di accoltellare i figli, arrestato

E successo a Satriano, nel catanzarese. L'uomo, di 71 anni, per dissidi economici ha prima bastonato i suoi tre figli e poi ha tentato di colpirli con un coltello

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

coltello spranga Angelo Antonio ArcidiaconoHa bastonato e tentato di accoltellare i suoi tre figli, mentre lavoravano all’interno del magazzino di loro proprietà: solo il provvidenziale e tempestivo intervento dei Carabinieri della Stazione di Satriano ha consentito di evitare guai ulteriori per le malcapitate vittime.

I militari, allertati dalla centrale operativa della Compagnia di Soverato, si sono recati a Satriano marina, in via del Progresso, ove era stata segnalata la presenza di una persona armata di coltello. Giunti sul posto, hanno subito notato il 71enne Angelo Antonio Arcidiacono il quale, alla vista degli operanti, ha lanciato a terra un coltello a scatto, continuando ugualmente ad inveire nei confronti dei suoi tre figli.

Riportata la situazione alla normalità, è stata effettuata un’accurata ricostruzione dei fatti, suffragata dall’acquisizione delle immagini di un impianto di videosorveglianza installato in loco. È stato accertato, così, che l’uomo, in virtù di controversie familiari scaturite da motivazioni di carattere economico, si era recato presso il predetto magazzino, dove si trovavano i suoi tre figli non conviventi, percuotendoli in una prima fase con un bastone in legno – provocando a due di loro anche delle lievi lesioni – e, successivamente, dopo essere stato disarmato da questi ultimi, tentando di colpirli con un coltello.

Inevitabilmente sono scattate le manette con l’accusa di violenza privata e lesioni personali aggravate, mentre entrambe le armi sono state sottoposte a sequestro, per il successivo deposito presso il competente ufficio corpi di reato.

La Prima sezione penale del Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto, disponendo nei confronti del prevenuto la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel Comune di Soverato, con contestuale obbligo di permanenza presso la propria abitazione dalle ore 21 alle ore 7.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM