Sequestrata un’area-deposito di rifiuti speciali, 4 denunce

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Taverna, Sequestrata un'area deposito di rifiuti speciali, 4 denunceI Carabinieri-Forestale di Taverna (Catanzaro), hanno individuato e sequestrato circa 120 metri cubi di rifiuti speciali di varia tipologia su una superficie di 400 metri quadri circa. Il “deposito” era riposto all’interno di un’area boscata di proprietà privata nella periferia del centro urbano. Denunciate quattro persone.

I rifiuti, costituiti prevalentemente da motoveicoli, pezzi di ricambio e residui di autoveicoli erano stoccati illecitamente in un fosso avente anche funzione di raccolta delle acque meteoriche, nei pressi di alcune baracche in lamiera presumibilmente utilizzata anche per la gestione dei rifiuti stessi. I rifiuti sono stati localizzati all’interno di un’area con vegetazione boschiva a prevalenza di roverella, in un contesto vincolato paesaggisticamente.

Le attività svolte e la tipologia di rifiuti rilevata, ha consentito di configurare, a carico del gestore dell’area e degli altri congiunti proprietari, oltre all’ipotesi di illecito stoccaggio e gestione di rifiuti, anche la violazione delle norme in materia paesaggistico ambientale, procedendo anche al relativo sequestro, già convalidato dall’autorità giudiziaria, dell’area e dei rifiuti.