Bancarotta, sequestrati beni per 3,5 milioni a famiglia

Carlomagno Jeep agosto 18

finanza catanzaroI finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Catanzaro, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Salvatore Curcio, e dal sostituto Marta Agostini, hanno eseguito un provvedimento di sequestro di beni per oltre tre milioni e mezzo di euro emesso dal Gip nei confronti dei quattro componenti di un nucleo familiare accusati, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta aggravata. Ai quattro, i coniugi Michele Rutigliano, di 61 anni, e Lina Catanzaro, di 57, ed i due loro figli, Gioacchino (33) e Domenico (30), viene contestata, inoltre, l’emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Il sequestro trae origine da un’attività d’indagine, denominata “Operazione Luce”, che ha preso spunto dall’approfondimento di alcune operazioni sospette riconducibili a movimentazioni finanziarie di due società con sede a Lamezia operanti nel settore del fotovoltaico e della carpenteria metallica, entrambe riconducibili alla famiglia Rutigliano.