Musica, Loredana Bertè incanta e diverte il Politeama

La cantante calabrese ha inaugurato ieri a Catanzaro la XVI edizione del Festival d’Autunno, ideato e diretto da Antonietta Santacroce

Black Friday Carlomagno novembre 2018
Un momento del concerto di Loredana Bertè
Un momento del concerto di Loredana Bertè

Ci sono serate in cui le lancette dell’orologio decidono di fermarsi e, a tratti,  impazziscono spostandosi con rapidità avanti e indietro nel tempo. E’ successo ieri sera al Teatro Politeama di Catanzaro durante il concerto di Loredana Berté, che ha inaugurato la XVI edizione del Festival d’Autunno, ideato e diretto da Antonietta Santacroce. Un delirio durato 120 minuti in cui la platea si è esaltata davanti ad un’artista che merita ancora oggi di essere l’unica e vera icona femminile del rock italiano.

Accolta da una autentica ovazione la cantante ha voluto rendere omaggio inizialmente all’Alma brasileira del Festival. Jazz, una delle perle composte da Djavan e impreziosita dal testo in italiano di Ivano Fossati,  ha immediatamente trasmesso una eccitazione allo stato puro durata per tutto il concerto e percepita dalla stessa Berté che ha ricambiato con una performance vigorosa e ricca di emozioni, nel giorno del suo compleanno che ha reso tutto ancora più magico. 

La rabbia interpretativa di Amici non ne ho ha mostrato rughe di un passato doloroso che, però, sembra ormai aver lasciato alle sue spalle. Loredana Berté è tornata ad essere quella che conoscevamo: un personaggio vero, uno di quelli che tutti vorremmo al nostro fianco comeamica. E tra queste, da sempre al suo fianco, c’è Aida Cooper che esegue con grande trasporto E non finisce mica il cielo con il quale Mia Martini si aggiudicò il Premio della critica al Festival di Sanremo nel 1982. 

Il viscerale rapporto tra Loredana e Mimì è stato uno dei momenti più sentiti dell’intera serata. Coinvolta oltre ogni immaginazione, la Berté ha eseguito in maniera magistrale  Padre davvero, storia del rapporto conflittuale avuto da entrambe le sorelle con il loro genitore. L’applauso tributatole giustificava la sua profonda commozione. 

Loredana Bertè al teatro Politeama

Ma ogni brano è stato un fotogramma della sua vita, la stessa che ha voluto far scorrere sugli schermi situati alle sue spalle. Un passato da ricordare non solo con la musica ma anche attraverso l’uso delle immagini tratte dal suo repertorio in cui non sono mancate quelle della sorella Mia e di Bjorn Borg, tra gli altri.

Non c’è alcun atteggiamento eccentrico o anticonformista in lei. Gli atteggiamenti televisivi sono lontani anni luce. La Berté ha messo in mostra la solita voce graffiante rinchiusa nella sua rabbia e nel suo dolore, ma anche nella gioia di trasmettere emozioni forti alla sua gente. Un timbro potente ed espressivo come nei migliori anni della sua vita che è stato sorretto da una band che ha espresso un suono rock  “felicemente” aggressivo. Un groove molto spinto del quale ne hanno beneficiato tutte le canzoni scelte per la serata.

Non un attimo di pausa e tanta nostalgia per brani che hanno segnato la sua carriera come Il mare d’invernoE’andata così, scritta per lei da LigabueRagazzo mioDedicatoNon sono una signora e la conclusiva intramontabile Sei bellissima, con il coro dei fan che hanno cantato con lei. Un finale incandescente con Aida Cooper che l’ha sostituita nella lunga “coda” mentre lei si avvicinava al pubblico salutandolo con devozione. E’ stato il semplice preludio ad un bis elettrizzante. Loredana Berté acclamata a gran voce è rientrata emozionata da quel sentito tributo.

«Stasera non vi dico no!». Il boato è stato inevitabile. Il successo del momento Non ti dico no, quello che ha fatto ballare tutta l’estate ha scatenato il finimondo. Il Teatro è diventata un’arena. Una immagine incredibile vedere tutti ballare in piedi tra le poltrone e nei palchi. Supportata dai Boomdabash in video, la Bertè ha creato le premesse per la reggaeggiante E la luna bussò. Il delirio finale è giunto con In alto mare,   un’esplosione liberatoria di energia quando utilizzando un cellulare Loredana Bertè ha ripreso sé stessa con la band, ma soprattutto il pubblico salutato con un urlato «Grazie Catanzaro!». La risposta è solo una «Grazie a te, Loredana!».

Il Festival d’Autunno proseguirà con un imperdibile concerto di una delle icone della musica brasiliana: Toquinho. Espressione più pura e autentica della musica brasiliana ed autore di brani storici come La voglia, la pazzia, l’incoscienza e l’allegriaSenza PauraSamba per Vinicius e Aquarello, ripercorrerà la storia della musica carioca giorno 6 ottobre nel Teatro Politeama di Catanzaro.