Scoperta incisione su lapide risalente all’epoca magno-greca

E' stata scoperta a Cortale, nel catanzarese, nell'area dell'ex abbazia distrutta dal terremoto del 1783. Risale agli inizi del VII secolo a.C.

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019
Trovata a Cortale iscrizione lapidea su granito locale risalente all'epoca magno-greca.
Trovata a Cortale iscrizione lapidea su granito locale risalente all’epoca magno-greca.

Un’iscrizione lapidea su granito locale risalente agli inizi del VII secolo a.C. è stata scoperta a Cortale, nel catanzarese, nell’area dell’ex abbazia distrutta dal terremoto del 1783.

Il reperto è stato portato nella sede della Soprintendenza Archeologia per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone per approfondimenti. “È una scoperta che darà nuova luce alla storia della Magna Grecia” ha detto il soprintendente Mario Pagano.

Ringraziandoti per il seguito, sarebbe cosa gradita un MI PIACE sulla nostra nuova pagina di Facebook

“Siamo dinanzi – ha aggiunto – all’iscrizione più antica della Magna Grecia e della Sicilia finora rinvenuta: l’iscrizione, che stiamo tuttora decifrando, è in alfabeto acheo e si può dunque datare intorno agli inizi del VII secolo a.C. e sembrerebbe da una prima lettura una dedica a Ercole Boario, paredro di Astarte e la forma del betilo è elemento che ben si adatta a questo culto collegandosi così anche al famoso mito dell’impresa condotta da Ercole che portò i buoi di Gerione dalla Spagna sino alla Grecia passando proprio dalle coste della Calabria e della Sicilia”.