Il colonnello Montanaro nuovo comandante CC di Catanzaro

Prende il posto del colonnello Marco Pecci. Il neo comandante, pugliese 47enne, per tre anni ha guidato il reparto operativo di Milano

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Il nuovo comandante provinciale dei carabinieri di Catanzaro, colonnello Antonio Montanaro

È il colonnello Antonio Montanaro, 47 anni, il nuovo comandante provinciale dei carabinieri di Catanzaro. L’ufficiale, dal 2015 al 2018, ha guidato il Reparto operativo di Milano. Un’esperienza che gli ha fatto toccare con mano la pervasività della ‘ndrangheta al Nord.

“Certo a Milano il punto di osservazione del fenomeno era diverso – ha detto incontrando i giornalisti – ma, come dice il procuratore Ilda Boccassini, non si tratta più di episodi sporadici”.

In questi giorni Montanaro sta visitando i comandi di compagnia. “Ho già incontrato il Gruppo di Lamezia Terme – ha detto – e quello di Soveria Mannelli”. E non è mancato un colloquio con il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri. Di Martina Franca (Taranto), per dieci anni si è occupato di eversione e terrorismo.

Ha anche guidato la Compagnia di Casal di Principe ed il Nucleo operativo di Caserta. “Spero di continuare nel solco di chi mi ha brillantemente preceduto”. Montanaro prende il posto del colonnello Marco Pecci.

Avvicendamento anche alla Compagnia Carabinieri di Catanzaro. Il nuovo comandante è il capitano Ferdinando Angeletti, che prende il posto del capitano Antonino Piccione, destinato a guidare la Compagnia di Firenze.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER