Rapina ad autotrasportatore, arrestati i presunti autori

Il colpo è avvenuto nel 2018 a Melicucco, nella Piana di Gioia Tauro e fruttò 4.500 euro.

Carlomagno campagna Fiat 500 Gamma Dicembre 2019

Carabinieri Gioia TauroI Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, col supporto dei colleghi di Frascati, hanno arrestato Manuele Mazzotta, di 25 anni e Domenico Mercuri, (29), poiché ritenuti responsabili di una rapina ai danni di un autista dipendente di una ditta di autotrasporti.

Il provvedimento, emesso dal gip del tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura della Repubblica, scaturisce da una indagine condotta dai militari a seguito di una rapina avvenuta nel primo pomeriggio del 7 Novembre 2018 a Melicucco, quando l’autista della ditta, operante nel settore della distribuzione di prodotti alimentari a livello locale e regionale, giunto allo svincolo di Melicucco sulla Strada di Grande Comunicazione Ionio-Tirreno, alla guida del suo furgone, era stato avvicinato da due persone che, con il volto travisato, lo avevano minacciato simulando di voler utilizzare un’arma, riuscendosi a farsi consegnare l’incasso della giornata pari a 4.500 euro, per poi darsi alla fuga e far perdere le proprie tracce a bordo di un veicolo.

Durante le indagini sono stati ascoltati testimoni, visionati i filmati di videosorveglianza e analizzati i tabulati telefonici nonché il traffico sulle celle; investigazioni che hanno permesso di raccogliere elementi a carico degli indagati che, secondo l’accusa, sarebbero riusciti a portare a compimento il colpo utilizzando un’auto a noleggio affittata da una donna residente a Nettuno (Roma), ma di fatto in uso ad uno degli indagati probabilmente per sviare le indagini.

Le risultanze investigative raccolte dai Carabinieri nell’arco di pochi mesi hanno quindi consentito alla Procura della Repubblica di Palmi di richiedere all’Ufficio del giudice per le indagini preliminari l’emissione di provvedimenti restrittivi in carcere a carico dei due indagati.

Sono in corso ulteriori indagini volte a verificare l’eventuale coinvolgimento dei due arrestati in analoghi episodi verificatisi nel territorio della Piana di Gioia Tauro nei mesi antecedenti e successivi al Novembre 2018.