Aveva due pistole sotto il comodino: in manette un 29enne


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

I Carabinieri di Soverato e Davoli hanno arrestato in flagranza Salvo Gregorio Mirarchi, 29enne di Montepaone, già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con l’accusa di detenzione illegale di armi e ricettazione.

I militari, all’esito di una perquisizione domiciliare eseguita presso l’abitazione dell’uomo, hanno rinvenuto, all’interno della camera da letto, una pistola semiautomatica calibro 7,65, marca Victor, priva di matricola, una pistola revolver calibro 38, marca Smith & Wesson, e oltre 70 cartucce, tutto nascosto in un piccolo vano posto sotto il comodino.

Inoltre, le successive ricerche, estese anche all’abitazione della nonna di Mirarchi, hanno consentito di recuperare 3.400 euro in contanti, 4 bilancini di precisione e del materiale verosimilmente utilizzato per il confezionamento della droga.

Da ulteriori accertamenti, è emerso come una delle armi risultasse oggetto di furto, perpetrato nel mese di marzo 2018 presso una nota armeria sita nel comune di Catanzaro; nella circostanza, vennero trafugate varie armi.

Armi, munizioni e il materiale per la droga sono stati sottoposti a sequestro e inviati nei reparti scientifici dell’Arma per gli accertamenti del caso. Sequestrato anche il denaro. Mirarchi, espletate le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM