Inchiesta Eyphemos, Santelli: “Io garantista, no a condanne preventive”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Jole Santelli con Marco Siclari

“La magistratura fa il suo lavoro e la politica non può che prenderne atto. Così avverrà anche nel caso dell’operazione “Eyphemos”. Commenta così la presidente della Regione Calabria Jole Santelli in seguito all’inchiesta della Dda di Reggio Calabria culminata stamane con l’arresto di 65 persone tra cui il consigliere di Fratelli d’Italia Domenico Creazzo e la richiesta di arresto per il senatore di Forza Italia Marco Siclari accusati entrambi di voto di scambio politico mafioso.

“Per quanto mi riguarda, – spiega Santelli – sono garantista: ritengo che occorra estrema prudenza e, soprattutto, sia sempre necessario evitare condanne preventive. La lotta alla criminalità organizzata è una priorità nella nostra terra: bisogna evitare di sovrapporre i campi per non incorrere in strumentalizzazioni”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM