Sequestrata la discarica comunale di Lamezia Terme. Tre denunce

Operazione dei carabinieri del Noe. Secondo quanto è emerso dalle indagini la discarica sarebbe stata gestita in violazione delle prescrizioni contenute nell'Autorizzazione integrata ambientale.


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Archivio

I carabinieri del Nucleo ambientale di Catanzaro hanno sequestrato la discarica comunale di Lamezia Terme. L’impianto si estende su una superficie complessiva di trentamila metri quadri, con una capacità complessiva di abbanco di 551 mila metri cubi.

Il sequestro, per l’esecuzione del quale il Noe è stato coadiuvato dai militari del Gruppo carabinieri di Lamezia Terme, è stato fatto dai militari nell’ambito di un’attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica.

Secondo quanto è emerso dall’attività investigativa, la discarica sarebbe stata gestita in violazione delle prescrizioni contenute nell’Autorizzazione integrata ambientale.

Tre persone, di cui non è stata resa nota l’identità, sono state denunciate per il reato di “gestione non autorizzata di rifiuti”. Il valore complessivo dell’impianto sequestrato è di due milioni di euro.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM