Sfugge all’arresto e va ai Caraibi, preso al rientro dopo aver simulato sintomi covid-19


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Era destinatario di un ordine di carcerazione e se ne andato tranquillamente ai Caraibi per trascorrere evidentemente un periodo sulle favolose spiagge caraibiche, ma al suo rientro in Calabria un 31enne, Francesco Cerra, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Lamezia Terme che hanno eseguito la misura portandolo in carcere.

Il trentunenne, già coinvolto nell’operazione “Piazza Pulita” con l’accusa di associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti e destinatario di ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Catanzaro, era appena rientrato in città dopo un viaggio a Guadalupa, nel sud del mar dei Caraibi, quando i Carabinieri appreso che era tornato, lo hanno raggiunto presso la sua abitazione.

Cerra, riferiscono i militari, per tentare di sottrarsi all’arresto, ha pensato di approfittare della situazione emergenziale di questi giorni dichiarando di avere febbre e sintomi influenzali simili al coronavirus.

Il personale dell’Arma, dopo averlo fatto visitare da personale sanitario ed accertato l’insussistenza di sintomatologia, lo hanno quindi ammanettato e condotto presso la casa circondariale di Catanzaro dove dovrà espiare la pena di 6 anni di reclusione.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb