Fase 2, ristoratori di Catanzaro scrivono al prefetto


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb
Archivio

Controlli che abbiano una valenza preventiva ed informativa nella prima fase di riapertura e scudo penale e civile a fronte di eventuali contagi da Covid-19 da parte dei dipendenti: sono le richieste contenute in un documento del Comitato ristoratori di Catanzaro, che riunisce alcune centinaia tra titolari e dipendenti di esercizi della ristorazione del capoluogo calabrese, consegnato ieri in Prefettura da una delegazione dello stesso Comitato e indirizzato al prefetto Francesca Ferrandino.

Al Prefetto, i ristoratori – che ancora non hanno riaperto le loro attività in attesa di risposte alle loro richieste e che ringraziano la Prefettura per l’attenzione che è stata loro prestata con la fissazione dell’incontro – hanno fatto presente i dubbi circa il provvedimento governativo che dal 18 maggio scorso ha autorizzato la ripresa delle attività commerciali. In particolare hanno evidenziato che “la velocità e la celerità con la quale il Governo ha emanato il decreto” ha reso difficilmente applicabili le misure previste, che, tra l’altro, a loro avviso sono “discrezionali e di libera interpretazione da parte degli organi deputati al controllo”.

Misure che per i ristoratori del Comitato sono “restrittive in fase di accertamento, considerando le sanzioni amministrative e pecuniarie onerose e gravose sulle attività”. Da qui le richieste avanzate al Prefetto che nella prima fase i controlli, piuttosto che di tipo sanzionatorio, siano di tipo preventivo e informativo e che sia previsto lo scudo penale e civile.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb