Ritardi in Consiglio regionale, si litiga per le Commissioni consiliari calabresi


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Bloccati fino a tarda sera ieri i lavori del Consiglio regionale che avrebbero dovuto iniziare alle 12. Il ritardo è stato determinato dal protrarsi delle trattative nella maggioranza di centrodestra, manuale Cencelli in mano, per trovare l’accordo sulla composizione delle Commissioni consiliari.

I primi punti all’ordine del giorno del Consiglio regionale, infatti, riguardavano l’elezione del presidente, del vicepresidente e del segretario delle sei Commissioni permanenti e delle due Commissioni speciali, Anti-‘ndrangheta e Vigilanza. Il tema delle presidenze delle commissioni era già stato al centro, sia giovedì sera che ieri mattina, di altre riunioni della maggioranza di centrodestra che governa la Regione: un altro vertice di maggioranza, per sbloccare la situazione, si è svolto ieri sera nella sede del Consiglio regionale.

Alla viglia del Consiglio regionale uno schema di massima di distribuzione delle Commissioni tra le forze alleate del centrodestra prevedeva che due postazioni spettassero a Lega e Fratelli d’Italia e una postazione a Forza Italia, Casa delle Libertà e Jole Santelli Presidente, ma il nodo principale è stato quello dell’accordo sulla presidenza della Commissione speciale contro la ‘ndrangheta.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb