In Calabria si va verso la riapertura delle Scuole il 24 settembre

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

banchi-scuola

In Calabria la scuola riaprirà il 24 settembre. Questa la proposta formulata con una comunicazione all’Ufficio scolastico regionale, dalla Regione.

“La nostra proposta, inviata al parere del tavolo di concertazione con Anci e Sindacati – ha detto all’Ansa l’assessore all’Istruzione della Regione Calabria Sandra Savaglio – è di avviare il prossimo anno scolastico il 24 settembre”.

Si tratta di dieci giorni in più rispetto alla riapertura prevista dal ministero dell’Istruzione prevista il 14 settembre.

“Non sono tanti – ha detto l’assessore – ma permetteranno a molte Istituti scolastici di terminare adeguamenti in corso e sistemazione degli arredi che speriamo arrivino nei tempi utili”.

Sandra Savaglio ha parlato di quanto “molto si muova intorno alla scuola per arrivare alla riapertura di settembre in presenza e in sicurezza ma c’è grande incertezza sui tempi: arredo scolastico che dovrà arrivare, adeguamenti edilizi, piccoli o grandi, che potranno partire solo a fine agosto, difficoltà nel reperire spazi aggiuntivi. Grande disponibilità di tutti ad affrontare e risolvere i problemi causati dall’emergenza Covid ma con un unico grande problema comune: il tempo”.

È per questo motivo che, “insieme con la presidente Jole Santelli, abbiamo deciso – ha concluso Sandra Savaglio – di accogliere le richieste di tanti enti locali, amministratori, dirigenti scolastici e sindacati che chiedono di aprire le scuole dopo le votazioni previste per il 20 e 21 settembre, concedendo qualche giorno in più utile alle scuole”.