Rapine alle Poste, tre arresti a Lamezia


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme hanno arrestato tre persone con l’accusa di rapina e furto: si tratta di Rocco Fiorenti, di 50 anni, e Antonio Leonello, di 53, entrambi del reggino,con precedenti, e Salvatore Massaria di 58 anni, lametino.

I provvedimenti di custodia cautelare in carcere sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Lamezia Terme, su richiesta della Procura, nell’ambito delle indagini avviate dai militari a seguito di un tentativo di rapina avvenuto il 4 gennaio del 2019 ai danni dell’ufficio postale di Falerna, fallito a causa del meccanismo di chiusura a tempo della cassaforte, e di una rapina consumata nell’ufficio postale del quartiere Sambiase l’8 febbraio successivo. Ad agire in entrambe le circostante erano state tre persone, con il volto travisato, armate di mazze e di una pistola poi risultata giocattolo.

Attraverso l’incrocio di dichiarazioni di vittime e testimoni e analizzando le immagini estrapolate da circuiti di videosorveglianza pubblici e privati, gli investigatori sono riusciti a raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei tre arrestati.

Oltre al riconoscimento, grazie alle telecamere della zona, sono stati ricostruiti anche i loro spostamenti nelle fasi precedenti e successive all’evento e al ritrovamento dell’auto, rubata, utilizzata per compiere il colpo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER