Sanità in Calabria, il M5s chiede la rimozione del commissario Zuccatelli

I pentastellati definiscono la nomina "inopportuna" e "un'inaccettabile beffa per i cittadini" e auspicano che il ministro alla Salute Speranza ed il premier Conte "accolgano la nostra proposta di revoca della nomina di Zuccatelli con effetto immediato"

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
Giuseppe Zuccatelli

“Dopo un sofferto confronto istituzionale durato un’intera giornata, a seguito della bufera che ha travolto il generale Saverio Cotticelli, non possiamo che prendere le distanze dalla nomina di Giuseppe Zuccatelli come commissario straordinario della sanità calabrese che ha creato grande imbarazzo tra noi portavoce del Movimento 5 Stelle”.

E’ quanto si legge in una nota che porta la firma dell’europarlamentare, dei parlamentari e dei consiglieri comunali del M5s Granato, Auddino, Abate, Scutellà, Barbuto, Sapia, Melicchio, Corrado, Ferrara, Marasco, Giorno, Anselmo, Santoro, Gioè, che definiscono la nomina di Zuccatelli “inopportuna” e “un’inaccettabile beffa per i cittadini” e auspicano che il ministro alla Salute Roberto Speranza ed il premier Giuseppe Conte “accolgano la nostra proposta di revoca della nomina di Zuccatelli con effetto immediato”.

Il Movimento cinque stelle aveva chiesto le dimissioni di Zuccatelli anche quando era commissario all’Asp di Cosenza, dimissioni poi date per le forti pressioni grilline. Il caso Zuccatelli era stato presentato anche a Roma, con una interrogazione parlamentare.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB