Armi e droga a Curinga, una condanna. Mistero su fucili rinvenuti. Ancora indagini

Carlomagno Jeep Renegade GENNAIO 2021 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
La droga e le armi rinvenute nel 2019 a Curinga

L’operazione della Compagnia Carabinieri di Girifalco che, a fine 2019, ha consentito di togliere dalla circolazione 740 grammi di marijuana, due fucili e una pistola con matricole “punzonate”, si è conclusa con la condanna a 2 anni e 8 mesi di reclusione e 600 euro di multa a carico di M. A., il giovane di Curinga trovato in possesso del materiale illecito nel corso di una perquisizione.

La pena, arrivata a seguito di patteggiamento, è ormai definitiva mentre permangono dubbi sulla provenienza delle armi rinvenute e sequestrate.

In particolare, le armi, anche dopo la perizia del Ris di Messina, che ne ha constatato l’efficienza e la quasi totale obliterazione dei numeri di matricola, al momento risultano “clandestine”.

Questo è il termine utilizzato dalla legge per descrivere un’arma senza segni identificativi, della quale non si riesce a conoscerel’origine di provenienza.  Gli accertamenti continueranno anche grazie alla continua alimentazione delle banche dati utilizzate dalle Forze di Polizia in attesa che possano essere disponibili altri elementi.

SOSTIENI SECONDO PIANO NEWS