‘Ndrangheta, sequestro di beni per 1,5 milioni a coppia

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Catanzaro

I Carabinieri della Sezione di polizia giudiziaria della Procura di Catanzaro e militari della Compagnia di Petilia Policastro hanno proceduto al sequestro, nei confronti di Antonio Santo Bagnato, detenuto, e della moglie Stefania Aprigliano, di beni mobili ed immobili, per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro. Il decreto è stato disposto dal Tribunale di Catanzaro, Sezione Misure di Prevenzione su richiesta della Direzione distrettuale antimafia.

Si tratta di 109 unità immobiliari, suddivisi tra terreni e fabbricati; un’azienda agricola di proprietà di Stefania Aprigliano e relativo compendio aziendale; un trattore e un rimorchio agricolo; alcuni fabbricati non censiti catastalmente; un’autovettura; tre capi di bestiame e un conto corrente;

L’attività investigativa rientra nell’ambito di una più vasta attività repressiva attuata nell’area crotonese dalla Dda di Catanzaro, coordinata dal Procuratore Nicola Gratteri e dai pm Paolo Sirleo, Domenico Guarascio e Pasquale Mandolfino, volta alla disarticolazione degli aggregati delinquenziali presenti in area, anche mediante il sequestro dei beni e l ‘irrogazione della misura di prevenzione della Sorveglianza speciale.

Antonio Santo Bagnato è stato coinvolto a gennaio nell’inchiesta della Dda catanzarese “Basso profilo”, perché ritenuto al vertice dell’omonima cosca di ‘ndrangheta.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER