‘Ndrangheta, sequestro di beni per 1,5 milioni a coppia

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Catanzaro

I Carabinieri della Sezione di polizia giudiziaria della Procura di Catanzaro e militari della Compagnia di Petilia Policastro hanno proceduto al sequestro, nei confronti di Antonio Santo Bagnato, detenuto, e della moglie Stefania Aprigliano, di beni mobili ed immobili, per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro. Il decreto è stato disposto dal Tribunale di Catanzaro, Sezione Misure di Prevenzione su richiesta della Direzione distrettuale antimafia.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Si tratta di 109 unità immobiliari, suddivisi tra terreni e fabbricati; un’azienda agricola di proprietà di Stefania Aprigliano e relativo compendio aziendale; un trattore e un rimorchio agricolo; alcuni fabbricati non censiti catastalmente; un’autovettura; tre capi di bestiame e un conto corrente;

L’attività investigativa rientra nell’ambito di una più vasta attività repressiva attuata nell’area crotonese dalla Dda di Catanzaro, coordinata dal Procuratore Nicola Gratteri e dai pm Paolo Sirleo, Domenico Guarascio e Pasquale Mandolfino, volta alla disarticolazione degli aggregati delinquenziali presenti in area, anche mediante il sequestro dei beni e l ‘irrogazione della misura di prevenzione della Sorveglianza speciale.

Antonio Santo Bagnato è stato coinvolto a gennaio nell’inchiesta della Dda catanzarese “Basso profilo”, perché ritenuto al vertice dell’omonima cosca di ‘ndrangheta.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM