Aveva in casa oltre mezzo kg di droga, arrestato un catanzarese

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Aveva in casa oltre mezzo chilo di droga pronta per essere spacciata. Un pusher quarantenne di Catanzaro è stato arrestato e posto ai domiciliari dalla Polizia con l’accusa di detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio.

Gli agenti della squadra volante della Questura di Catanzaro, impegnati in servizi di controllo del territorio, hanno notato ieri un soggetto, già conosciuto per droga, a bordo di un’auto ferma ad una stazione di servizio, che alla vista della pattuglia ha assunto un comportamento sospetto.

I poliziotti hanno quindi deciso di effettuare una perquisizione personale e del veicolo, durante la quale il 40enne – di cui sono state diffuse solo le iniziali, C.M. -, era particolarmente teso, tanto da indurre gli uomini in divisa a procedere a perquisire anche la sua abitazione, situata a pochi metri dal distributore di benzina.

In vari ambienti e mobilio dell’abitazione gli agenti hanno rinvenuto oltre mezzo kg di marijuana, alcuni grammi di hashish, oltre a tutto l’occorrente per la preparazione delle dosi, tra bilancini e altro. Inevitabili le manette.

Altro pusher dai domiciliari al carcere
Sempre agenti della sezione volanti hanno arrestato e condotto nella casa circondariale di Catanzaro Siano il 34enne M.G., in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice del Tribunale Catanzaro, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

L’uomo, lo scorso 16 aprile, era stato arrestato in flagranza dai poliziotti che lo avevano trovato in possesso di 400 grammi di cocaina pura.

I successivi controlli e ulteriori elementi emersi dalla prosecuzione delle indagini, svolte dall’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, hanno fornito all’autorità giudiziaria
ulteriori elementi che hanno indotto la Procura a richiedere e il gip ad emettere la misura cautelare in carcere, in sostituzione del regime di arresti domiciliari a cui M.G. era stato precedentemente sottoposto.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM