“Buoni spesa” senza averne i requisiti, 20 denunce

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

I carabinieri della Compagnia di Soverato hanno denunciato all’autorità giudiziaria 20 persone ritenute responsabili di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche e falso, poiché, in base agli accertamenti svolti, avrebbero percepito illegittimamente il “buono spesa covid-19” erogato per le famiglie in difficoltà.

Le indagini dei militari, avviate a dicembre 2020, hanno evidenziato una serie di false attestazioni nelle domande presentate al Comune, ente erogatore del sostegno, riguardo la posizione di indigenza e necessità dei richiedenti, la reale composizione dei nuclei familiari, l’omessa comunicazione di ricevere, nel periodo considerato, altri indennizzi statali (reddito di cittadinanza, indennità di disoccupazione e pensione statale). Quattro i comuni del Soveratese che sono stati interessati dagli accertamenti, Cardinale, Soverato, Satriano e Santa Caterina.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM