Inchiesta Farmabusiness, chiesto il processo per 24 persone


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

La Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio per 24 persone imputate nell’inchiesta denominata “Farmabusiness” incentrata sulla cosca Grande Aracri e i suoi presunti sodali accusati di avere usato il denaro illecitamente acquisito dal clan per investirlo nell’affare della vendita all’ingrosso dei farmaci. L’udienza preliminare è stata fissata per il 29 ottobre.

Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, l’aggiunto Vincenzo Capomolla e i sostituti Domenico Guarascio e Paolo Sirleo hanno chiesto il processo per i componenti della cosca, e per professionisti e politici tra i quali l’ex presidente del consiglio regionale della Calabria Domenico Tallini, di Forza Italia, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e di voto di scambio politico mafioso.

Le accuse mosse agli imputati sono, a vario titolo, associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di valori, tentata estorsione, ricettazione e violenza o minaccia a un pubblico ufficiale.

Nell’inchiesta sono coinvolti anche i più stretti familiari del boss Nicolino Grande Aracri: la moglie Giuseppina Mauro, la figlia Elisabetta Grande Aracri, il fratello Domenico Grande Aracri, il genero Giovanni Abramo. (ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM