Giovane Commissario di Polizia è grave in ospedale per un malore improvviso

Il dramma è avvenuto allo Stadio di Catanzaro mentre si disputava la gara di Serie C tra la compagine calabrese con il Foggia. Il dirigente di Polizia, 34 anni, era di scorta ai tifosi ospiti. E' stato operato all'ospedale di Cosenza

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Il commissario della Questura di Catanzaro Antonio Trotta, 34 anni, è stato colto da un grave malore mentre era in servizio durante la gara di calcio di serie C tra Catanzaro e Foggia.

Il dirigente di Polizia, in servizio all’Anticrimine della questura catanzarese, era di scorta a qualche centinaio di tifosi ospiti quando si è improvvisamente accasciato a terra. Subito soccorso dai colleghi, il commissario è stato trasportato con l’elisoccorso e trasferito all’ospedale di Cosenza dov’è stato sottoposto ad un delicatissimo intervento chirurgico. Il poliziotto, secondo quanto trapela, sarebbe stato colpito da un’aneurisma. Ora è in prognosi riservata e i medici stanno monitorando le sue condizioni.

Dopo il dramma, l’intero stadio ha continuato a seguire la gara in totale e rispettoso silenzio, con le bandiere ammainate, pensando a quanto stava vivendo l’ufficiale di polizia in un’atmosfera surreale pregna di preoccupazione in attesa di buone notizie.

“Antonio Trotta, commissario di polizia ha un grave malore, operato a Cosenza. Siamo vicino a lui, ai suoi familiari. Straordinari i tifosi del Foggia e del Catanzaro. Il silenzio è il cemento di una cultura di rispetto che pone l’uomo davanti a tutto. Oggi, aspettiamo in silenzio”. Lo ha scritto il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli sui social.