Concessi i domiciliari all’avvocato Pittelli

Da settimane stava facendo lo sciopero della fame. L'ex parlamentare è imputato nel processo Rinascita scott ed è coinvolto in un'altra inchiesta antimafia

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Giancarlo Pittelli

L’avvocato ed ex parlamentare di Forza Italia Giancarlo Pittelli torna agli arresti domiciliari. Il beneficio gli è stato concesso dal Tribunale di Vibo Valentia in accoglimento dell’istanza presentata dai difensori Salvatore Staiano e Guido Contestabile.

Pittelli è imputato nel processo “Rinascita Scott”, in corso nell’aula bunker di Lamezia Terme, scaturito dall’inchiesta condotta dalla Dda di Catanzaro sulle cosche di ‘ndrangheta di Vibo Valentia ed è coinvolto anche nell’inchiesta “Mala Pigna”, su alcuni gruppi della criminalità organizzata della Piana di Gioia Tauro. Da alcune settimane Pittelli aveva iniziato lo sciopero della fame.

Pittelli, che è tra i penalisti calabresi più noti, per i due procedimenti penali in cui è coinvolto aveva già ottenuto gli arresti domiciliari. Il beneficio, però, gli era stato revocato nello scorso mese di dicembre dopo che si era appreso di una lettera che aveva scritto ad ottobre, inviandogliela per posta, al Ministro per il Sud, Mara Carfagna, in cui le avrebbe chiesto aiuto per risolvere la questione legata alle sue vicende giudiziarie.

La segreteria del Ministro trasmise la missiva di Pittelli all’ispettorato di Palazzo Chigi che, a sua volta, la fece pervenire alla Squadra mobile di Catanzaro, giungendo poi alla Dda di Catanzaro. La stessa Dda chiese ed ottenne dal Tribunale l’aggravamento della condizione detentiva di Pittelli per violazione delle prescrizioni imposte dagli arresti domiciliari.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER