La Dia di Venezia sequestra beni e una impresa a un indagato calabrese


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Un sequestro di beni mobili, di una società di costruzioni con sede a Milano e posizioni finanziarie, per un valore complessivo di circa 19.000 euro, è stato eseguito dalla Direzione Investigativa Antimafia, su disposizione del Tribunale di Catanzaro, nei confronti di un imprenditore di origini calabresi stabilitosi da oltre 20 anni in provincia di Padova ed attualmente agli arresti domiciliari.

L’indagato è ritenuto uomo di fiducia sul territorio padovano di un’associazione di tipo ‘ndranghetista, a cui avrebbe fornito supporto logistico, economico e investimenti imprenditoriali nel territorio euganeo.

Il provvedimento è nell’ambito di indagini coordinate dalle Dda di Catanzaro e Venezia, dalle quali sono emersi incontri e rapporti con esponenti di spicco delle ‘ndrine, con l’ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio e all’autoriciclaggio di denaro attraverso un sistema di fatture per operazioni inesistenti, i cui pagamenti sarebbero stati “schermati” con la complicità di funzionari di banca.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER