Riciclaggio, arrestate 4 persone. Sequestrate due società e beni per oltre 5 milioni

Nel corso di una perquisizione domiciliare in un garage dell'imprenditore lametino, i finanzieri hanno trovato e sequestrato due borsoni con all'interno 1,4 milioni di euro in contanti.


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

finanza catanzaro

I finanzieri del Comando provinciale della di Catanzaro, coordinati dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme, hanno arrestato e posto ai domiciliari in esecuzione di un provvedimento del Gip di Lamezia Terme, quattro persone e sequestrato di due società e beni, per un valore superiore ai 5,2 milioni di euro.

Gli arrestati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata all’autoriciclaggio. Perquisizioni oltre che in Calabria anche in Lombardia, Trentino e Campania.

Tra i beni sequestrati ci sono un albergo a Madonna di Campiglio, uno stabilimento industriale a Lamezia Terme e un’imbarcazione del valore di 300 mila euro.

L’operazione denominata “Boccaccio” è scaturita a seguito dell’approfondimento, da parte dell’Agenzia delle Entrate, di una sospetta operazione di “Voluntary Disclosure”, posta in essere da un imprenditore lametino, il quale ha fatto rientrare in Italia 500 mila euro investiti in banche maltesi per mezzo di una società con sede nelle Isole Vergini. Le indagini, svolte dagli specialisti del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Catanzaro, hanno consentito di accertare, sia pure in fase investigativa-cautelare, che la provvista derivasse non da una eredità, come sostenuto dall’interessato, ma da pregressi reati fiscali.

I riscontri hanno consentito di ricostruire le attività dell’imprenditore, del coniuge e di due consulenti operanti nel Nord Italia: da qui è emerso che, attraverso una serie di operazioni finanziarie, fosse stata riciclata la somma di oltre un milione di euro provento di evasione fiscale. Per nascondere l’origine illecita della provvista sarebbero state costituite società di comodo in Svizzera dove allocare parte dei proventi dell’evasione per poi procedere al loro reimpiego nel mercato legale, attraverso operazioni nel settore immobiliare, edile, turistico e del noleggio di natanti.. Il Gip ha inoltre disposto il sequestro di 1,5 milioni di euro.

Chi sono gli indagati
Sono l’imprenditore di Lamezia Terme Claudio Arpaia, già presidente della società di calcio Vigor Lamezia, la moglie Annamaria Del Gaudio, un consulente di Milano Armon Rossi e l’imprenditore trentino Mauro Armani le quattro persone arrestate e poste ai domiciliari nell’ambito dell’operazione Boccaccio condotta dalla Guardia di finanza di Catanzaro con il coordinamento della Procura della Repubblica di Vibo Valentia. Gli indagati sono accusati di autoriciclaggio.

Nel corso di una perquisizione domiciliare in un garage dell’imprenditore lametino, i finanzieri anche grazie al fiuto di un cane antivaluta in servizio all’Aeroporto di Lamezia Terme, hanno trovato e sequestrato due borsoni con all’interno 1,4 milioni di euro in contanti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER