Sequestrati beni ad un pensionato indagato per usura ed estorsione


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

guardia di finanza catanzaro

Beni per 255 mila euro sono stati sequestrati dai militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro ad un pensionato, residente in provincia di Catanzaro, indagato per usura, estorsione ed auto-riciclaggio. Il provvedimento è stato disposto dal Gip del Tribunale di Catanzaro su richiesta della Procura.

Il sequestro scaturisce fa seguito a indagini patrimoniali svolte dal Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria del capoluogo calabrese, all’esito delle quali è stato possibile accertare una ingente sproporzione tra il valore del patrimonio accumulato nel tempo dall’indagato (già dipendente dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, ora in pensione) e le fonti di reddito lecite riconducibili a lui e al suo nucleo familiare.

L’uomo era stato arrestato in flagranza, nel giugno del 2020, dai carabinieri della Compagnia di Soverato dopo che era stato colto nell’atto di ricevere un imprenditore del basso Ionio catanzarese, una busta contenente 500 euro, corrisposta quale pagamento di parte degli interessi usurati pattuiti in relazione ad un prestito precedentemente erogato. Nel corso delle successive indagini erano stati ipotizzate ulteriori condotte usurarie a danno di altri due imprenditori della zona.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER