Spaccio e prostituzione, due arresti tra cui un vigile urbano

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I carabinieri della stazione di Pentone (Catanzaro), coadiuvati dai colleghi della stazione di Bologna s. Ruffillo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal Gip del Tribunale di Catanzaro su richiesta della locale Procura, nei confronti di due persone, un 48enne catanzarese e un 53enne da poco trasferitosi nel bolognese.

L’attività d’indagine, sviluppata dall’aprile al dicembre 2020 dai Carabinieri di Pentone ha evidenziato, essenzialmente, le numerosissime attività criminali poste in essere dal 48enne, agente della polizia locale di un comune della Presila catanzarese che, in collaborazione con altri soggetti (gli indagati sono complessivamente 16):

Il 48enne – secondo l’accusa – avrebbe posto in essere attività di spaccio al minuto di sostanze stupefacenti del tipo marijuana e cocaina nei comuni di Fossato Serralta, Catanzaro, Marcellinara, Stalettì e Sellia Marina nonché compiuto estorsioni ad eventuali assuntori morosi.

Inoltre avrebbe favorito la prostituzione di una serie di persone straniere fornendo in locazione un appartamento di proprietà e aiutando le prostitute in servizi accessori (trasporti da e per l’abitazione, fornitura di preservativi e sostanze stupefacenti).

Infine, il vigile si sarebbe assentato fittiziamente dal servizio dell’ente di appartenenza non timbrando il proprio badge o venendo aiutato e non controllato da altri dipendenti comunali (centinaia le ore di servizio contestate) avrebbe simulato un incidente stradale con altro veicolo volto ad ottenere un risarcimento, incidente che invece è risultato essere autonomo.

Gli arrestati, al termine delle operazioni, sono stati condotti presso le proprie abitazioni, in regime di arresti domiciliari.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER