Duplice omicidio nel Catanzarese, assolti i tre imputati

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Sono stati assolti “per non aver commesso il fatto” Mario Iozzo, Luciano Iozzo e Giuseppe Gregorio Iozzo, accusati di essere stati i mandanti dell’omicidio di Giulio Cortese, di 48 anni, e della convivente, Inna Abramova, di 35, di nazionalità ucraina, avvenuto nel 2009 a Chiaravalle Centrale, nel Catanzarese.

Cortese e la convivente furono assassinati con alcuni colpi di pistola mentre erano in auto dopo che avevano accompagnato le due figlie a scuola.

La sentenza di assoluzione è stata emessa dalla Corte d’assise di Catanzaro, presieduta da Alessandro Bravin. Il pubblico ministero, Debora Rizza, aveva chiesto per i tre imputati la condanna all’ergastolo.

Secondo l’accusa, movente dell’omicidio di Cortese e della convivente sarebbe stata una vendetta nei confronti dell’uomo per le sue dichiarazioni che avevano portato al fermo, con l’accusa di danneggiamento, estorsione e porto illegale di armi, di Giuseppe e Mario Iozzo. Cortese, inoltre, sarebbe stato “punito” per la sua vicinanza alla famiglia Allegrotto, contrapposta a quella degli Iozzo.
I tre imputati sono stati difesi dagli avvocati Saverio Loiero, Vittoria Aversa e Antonio Ierardi.