Sparatoria tra gruppi rom a Catanzaro, tre feriti

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
archivio

Sparatoria dai contorni ancora tutti da chiarire stasera a Catanzaro con tre persone che sarebbero rimaste ferite.

Il fatto è accaduto in viale Isonzo, nella zona sud della città ed avrebbe visto come protagonisti alcuni componenti la comunità rom che vive nella zona.

Al 113 sono giunte telefonate che segnalavano una sparatoria in corso. Giunti sul posto, gli agenti non hanno trovato nessuno di coloro che vi avrebbe partecipato ma alcuni testimoni avrebbero riferito di avere sentito distintamente il rumore di alcuni spari. Tre le persone che sarebbero state ferite ma la notizia non ha trovato conferma. La Polizia sta ora cercando di ricostruire quanto accaduto. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri.

I feriti sono tutti nomadi. La sparatoria è avvenuta a Catanzaro in via Isonzo, a nemmeno cento metri, in linea d’aria, dal luogo in cui questa notte un rogo ha devastato un appartamento popolare provocando la morte di tre giovani fratelli di 22, 15 e 12 anni. Sulle loro condizioni al momento non ci sono notizie.

La sparatoria è avvenuta nei pressi di un distributore di benzina. Oltre dieci i colpi esplosi. Sul posto, oltre ai sanitari del 118, sono tutt’ora presenti gli agenti della Squadra Mobile – che hanno avviato le indagini – e che stanno effettuando i rilievi del caso per ricostruire l’accaduto e sono al lavoro per mantenere l’ordine pubblico dopo le scene di rabbia che si sono verificate sul luogo della sparatoria.

Due dei tre feriti, secondo quanto si è appreso, non sarebbero in gravi condizioni. Più serie, invece, quelle del terzo, che è stato raggiunto da colpi d’arma da fuoco all’addome. Secondo quanto si è appreso, i feriti farebbero parte dello stesso gruppo che, forse per un regolamento di conti in seno ad ambienti criminali nella comunità rom della zona, si sarebbe scontrato con un altro gruppo di persone. La ricostruzione dei fatti è ancora parziale e le indagini della Squadra mobile vanno avanti per cercare di ricostruire nel dettaglio quanto avvenuto.