Da Liceo lametino realizzato un calendario in greco antico

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Un calendario in greco antico. E’ l’idea che Francesco Polopoli, docente di Latino e Greco del Liceo Classico Artistico “Francesco Fiorentino” di Lamezia Terme, ha lanciato ai suoi alunni che hanno accolto questa sfida, unica in Italia, e che domani saranno ricevuti dal presidente della Regione, Roberto Occhiuto, al quale presenteranno e consegneranno il loro lavoro.

“Non avere più il valore del sacrificio – afferma Polopoli – significa non rendersi più conto di cosa vuol dire sudarsi qualcosa: sembra démodé in un periodo cui si cerca la maniera più veloce e meno dispendiosa per arrivare al risultato. Eppure si trascura il fatto che, prendendo la via breve, si tralasci il più bello, la fase del nostro percorso. Dobbiamo tornare ad assaporare la fatica e sudarci i nostri traguardi: più sarà dura la salita, più saremo felici quando pianteremo la nostra bandiera in cima, perché la meraviglia è nel viaggio”.

“Animati da queste considerazioni – aggiunge il docente – abbiamo calendarizzato le fatiche di Eracle (una per ogni mensilità) con presentazione di ognuna di esse dello Pseudo-Apollodoro, fatta eccezione per la decima, contestualizzata dentro una cornice calabrese, grazie ad una fonte che collega l’impresa Eraclea a Crotone”.

Per quanto riguarda l’aspetto del calendario, c’è segnalare che copertina e collage mitologico sono occupati dai disegni del Liceo artistico mentre l’interno, con le immagini, è stato curato dagli studenti del Liceo Classico.