Minacciano un uomo e si appropriano della carta del Reddito, in manette

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

I carabinieri della compagnia di Girifalco hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due soggetti del posto già noti alle forze dell’ordine.

I due, un uomo quarantacinquenne e una donna trentunenne già detenuta per altre cause, in concorso con un ventenne, si sarebbero appropriati con la violenza e ripetute gravi minacce di morte della carta del Reddito di cittadinanza di un uomo anch’esso Girifalcese e del suo telefono cellulare al fine di ottenere il pagamento di debiti di varia natura.

Quest’ultimo vistosi quotidianamente vessato e minacciato si era rivolto ai Carabinieri della Stazione di Girifalco che a seguito di approfonditi accertamenti delegati dalla Procura di Catanzaro sono riusciti a ricostruire la vicenda nonché a delineare le molteplici condotte illecite degli arrestati.

I tre sono accusati a vario titolo di atti persecutori, furto aggravato, rapina, estorsione, violenza privata e ricettazione. L’uomo dopo le formalità di rito è stato associato presso la casa circondariale di Catanzaro Siano a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il ventenne è stato rintracciato e tratto in arresto il 17 luglio dai Carabinieri della Compagnia di Comacchio (Ferrara) dove il giovane si trovava occasionalmente e ristretto quindi presso la casa circondariale di Ferrara.

Secondo l’accusa, sarebbero gravi gli indizi di colpevolezza a carico degli arrestati come grave il pericolo di una reiterazione degli stessi reati, al punto tale da incidere sulle abitudini di vita della vittima e giustificare l’applicazione delle misure cautelari adottate.