Uomo scomparso il 9 agosto è stato trovato morto, si ipotizza l’omicidio

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

E’ stato trovato senza vita il quarantanovenne Carmine Morelo, scomparso il 9 agosto scorso a Corigliano Rossano, centro dell’alto Ionio cosentino.

Il cadavere di Morelo è stato individuato dai carabinieri del Reparto territoriale di Corigliano Rossano in una zona isolata in contrada “Strange” di Corigliano Rossano.

L’esame esterno ha consentito di rilevare sul corpo dell’uomo alcune ferite compatibili con colpi di arma da fuoco. Per avere la certezza, in questo senso, e dedurne che Morelo sia stato vittima di omicidio, si attende comunque l’esito dell’autopsia disposta dal pm di turno della Procura della Repubblica di Castrovillari.

L’ipotesi che Morelo sia stato ucciso trova fondamento anche sulla sua presunta vicinanza ad ambienti criminali dell’Alto Ionio cosentino, in particolare alla cosca Acri. Morelo era stato anche coinvolto anni fa in un’operazione contro la criminalità organizzata, denominata “Stop”. Dall’operazione scaturì un processo a conclusione del quale, comunque, il quarantanovenne fu assolto.