Lamezia, la Finanza scopre e sequestra 3 piantagioni di canapa

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

I finanzieri di Lamezia Terme hanno scoperto e sequestrato tre coltivazioni di canapa indiana, rinvenute nella zona boschiva di località Mitoio, per un numero complessivo di 266 piante di altezza variabile compresa tra 1,5 e 2,5 metri.

In particolare, a seguito di ricognizioni effettuate dalla Sezione aerea della Guardia di finanza lametina a bordo degli elicotteri in dotazione, l’equipaggio ha segnalato ai colleghi a terra la presenza di piante sospette in varie aree della predetta località montana.

A quel punto, i finanzieri hanno effettuato le dovute perlustrazioni nelle aree segnalate, giungendo in zona impervia, non di facile accesso e tra la fitta vegetazione hanno scoperto le piante di cannabis indica, irrigate tramite sofisticati impianti realizzati da ignoti e regolati da temporizzatori elettronici.

Lo stupefacente che sarebbe stato ricavato dalle piante di canapa indiana sequestrate avrebbe fruttato agli spacciatori circa 200.000 euro.

Nella stessa area, a ridosso del giorno di Ferragosto, i finanzieri avevano rinvenuto una piantagione di marijuana composta da 410 piante procedendo all’arresto del responsabile.