Corbelli: "Si farà il cimitero dei migranti". Si parte con 4 mln

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
Franco Corbelli nell'area dove sorgerà il cimitero internazionale dei migranti
Franco Corbelli nell’area dove sorgerà il cimitero internazionale dei migranti a Tarsia (Cosenza)

Il cimitero dei migranti si farà. Lo rende noto Franco Corbelli, leader del Movimento Diritti Civili. I lavori cominceranno a fine gennaio. L’opera sarà realizzata a Tarsia, in provincia di Cosenza.

Il cimitero, che verrà realizzato dal Comune di Tarsia, Regione Calabria e lo stesso Movimento Diritti Civili, prevede un investimento complessivo di 4 milioni di euro. L’iniziativa è stata possibile grazie alla “sinergia economica” tra Regione e ministero dell’Interno. La prima fase riguarderà l’acquisizione dei terreni, le opere di sbancamento e la realizzazione della recinzione.

Poi si dovrebbe procedere con la costruzione dei loculi e la tumulazione di centinaia di immigrati, donne uomini e bambini, molti dei quali senza un nome, che troveranno riposo eterno nel cimitero internazionale di Tarsia, centro a trenta chilometri da Cosenza.

L’opera è stata fortemente voluta da Franco Corbelli, da sempre impegnato in difesa dei più poveri e delle fasce più deboli. Il leader del Movimento Diritti Civili nei mesi delle drammatiche traversate di immigrati nel Mediterraneo, – dove negli ultimi anni sono morte migliaia di persone – ha sensibilizzato più volte la Regione Calabria e il presidente Mario Oliverio affinché si esprimesse a favore dell’iniziativa. Favorevole anche il sindaco di Tarsia che ha dato l’ok per la location.

Il cimitero internazionale dei migranti sorgerà a breve distanza dal campo di concentramento nazista di Ferramonti, luogo dove vennero trucidati migliaia di ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale. Ogni anno, il 27 gennaio, Giornata della Memoria, a Ferramonti di Tarsia ci sono pellegrinaggi per onorare le vittime del nazismo. L’inizio dei lavori del cimitero dei migranti appare non casuale. Dagli anni a venire chiunque potrà posare un fiore anche sulle tombe ignote di persone che speravano in un futuro migliore.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB