‘Ndrangheta, la Polizia scova a Rende arsenale di armi. FOTO

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Momenti della conferenza stampa sull'arsenale di armi scoperto a Rende
L’arsenale di armi sequestrato a Rende

Imponente sequestro di armi e munizioni a Rende. Nel corso della notte personale della Polizia di Stato, nell’ambito di approfonditi servizi di controllo del territorio disposti dal Questore di Cosenza Luigi Liguori al fine di prevenire e reprimere la commissione di reati, ha rinvenuto e sequestrato un arsenale bellico.

L’arsenale è stato rinvenuto in un box scovato dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Cosenza all’interno del complesso residenziale denominato “Il Girasole”, sito a Quattromiglia di Rende. All’interno, spiegano dalla Polizia, una vera e propria Santa Barbara con numerosissime armi comuni e da guerra e corposo munizionamento, che non si esclude, possano appartenere a persone vicino a qualche cosca locale.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Un vero e proprio arsenale di armi che potrebbe essere servito a compiere rapine, omicidi, intimidazioni ovvero nelle mani di spietati criminali e organizzazioni ‘ndranghetistiche,

Le armi, sia corte che  lunghe, alcune nascoste all’interno di borsoni, altre accuratamente celate all’interno di buste di plastica nonché le numerosissime cartucce di vario calibro e tipo, sono state sequestrate.

All’interno del box  è intervenuto  anche personale della Polizia Scientifica, l’artificiere e  personale della Polizia Stradale.

Sono in corso serrate indagine anche al fine di risalire al reale utilizzatore dello stabile ove è stato trovato l’arsenale bellico. Le arimi saranno, come da prassi inviato al Ris per gli esami balistici.

L’ARSENALE – Si tratta di 1 pistola mitragliatrice MB40 matricola 9353;
1 mitragliatrice mod. AK47 cal. 7,62×39 con matricola abrasa munita di un caricatore vuoto;
1 mitragliatrice STEN NK2 di cui non si è potuto rilevare la matricola, equipaggiata con due caricatori vuoti;

1 fucile a Pompa ESCORT matricola 148419 privo di caricatore;
1 mitragliatrice AK47 con matricola illeggibile equipaggiata con nr. 07 caricatori vuoti;
1 mitragliatrice calibro 9 marca Luigi Franchi mod. 57 con matricola nr. 350540 con tre caricatori vuoti;
1 pistola mitragliatrice con matricola abrasa e della quale non è stato possibile rilevare la marca, con tre caricatori vuoti;
1 mitragliatrice con matricola abrasa e della quale non è stato possibile rilevare la marca, con due caricatori vuoti;

1 Moschetto Beretta mod. 38A cal. 9 con matricola nr E4867;
1 Moschetto Beretta mod. 38A cal. 9 con matricola nr M5385;
1 fucile mitragliatore marca THOMPSON submachine GUN calibro 45 matricola M514106 con nr. 01 caricatore vuoto;
1 fucile modello 98 con matricola G6647;
1 fucile da caccia Breda con matricola abrasa;

1 mitragliatrice TOMMY GUN calibro 45 con caricatore a disco privo di matricola;
1 pistola Beretta modello FS calibro 9×21 con matricola nr. F09195P con nr. 02 caricatori vuoti;
1 pistola Beretta modello F 9×21 con matricola G00464P con un caricatore vuoto ed un puntatore laser;
Migliaia di cartucce di varie calibro in corso di quantificazione.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM