Riapre il viadotto Italia. Renzi lo inaugura con Delrio: Niente è impossibile

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Matteo Renzi inaugura viadotto Italia
Matteo Renzi inaugura il viadotto Italia (Ansa)

LAINO CASTELLO (COSENZA) – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha inaugurato a Laino Castello il viadotto Italia dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, nel tratto tra Laino Borgo e Campotenese.

Insieme a Renzi il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, il presidente dell’Anas Gianni Vittorio Armani e altre autorità.

“Quando siamo partiti – ha detto il premier – ridevano di noi. Il 22 dicembre percorreremo questa infrastruttura da Salerno a Reggio Calabria insieme a Delrio. Andremo piano, la scorta se vuole, segue”. “Per l’Italia – ha sostenuto ancora Renzi – nessuna impresa è impossibile”.

Il viadotto Italia era rimasto chiuso dopo un crollo che ha provocato la morte di un operaio. Era il 3 marzo 2015, quando la quinta campata della carreggiata sud del viadotto è crollata, trascinando con sé un mezzo di cantiere sul quale era presente un operaio di origine romena, Adrian Miholca, precipitato nel vuoto per circa 80 metri.

Subito interrotta la circolazione, gli utenti subirono pesanti disagi in quanto il ponte unisce la Calabria alla Basilicata. Il 24 luglio 2015 la carreggiata nord era stata riaperta al traffico nei due sensi di marcia. A un anno di distanza, il viadotto rifatto, è stato consegnato e inaugurato dal presidente del Consiglio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER