Cosenza, omicidio Marianna. Legali: Madre incapace di intendere e volere


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Giovanna Leonetti
Giovanna Leonetti

Giovanna Leonetti, la biologa cosentina di 37 anni che lo scorso 20 febbraio ha soffocato e ucciso la figlioletta Marianna di sette mesi, sarebbe “incapace di intendere e di volere”.

Lo dice una perizia psichiatrica di parte presentata dagli avvocati della donna, Marcello Manna e Pierluigi Pugliese, al magistrato Alfredo Cosenza.

Leonetti, dopo l’omicidio della piccola è stata arrestata e, incompatibile con il regime carcerario, ha trascorso un lungo periodo di degenza all’ospedale di Cosenza e attualmente si trova ai domiciliari in una struttura sanitaria.

La mattina del 20 febbraio 2016 la donna avrebbe soffocato con un cuscino la bimba perché la notte piangeva e si lamentava. Giovanna Leonetti, che lavorava presso un laboratorio di analisi, era sopraffatta per la stanchezza dovuta al fatto che la notte la bambina non la faceva dormire.

Dopo il delitto, secondo i resoconti di allora, la biologa chiamò la madre per dirle del gesto e avrebbe tentato il suicidio con una massiccia dose di psicofarmaci. Teatro del dramma, un appartamento di via Molinella, in pieno centro a Cosenza. Per la bimba non ci fu nulla da fare. E’ arrivata all’Annunziata già senza vita.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER