Sorpresi a rubare castagne, arrestate sei persone a Rose

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Sorpresi a rubare castagne, arrestate sei persone a Rose
Un castagneto

Sei persone di età compresa tra i 19 e i 38 anni, sono state arrestate dai carabinieri della Compagnia di Rende e di Rose, per rapina impropria in concorso. Un minore è stato invece denunciato.

Venerdì mattina a Rose, in contrada Querceto, i sei, 4 uomini e due donne, tutti di nazionalità rumena, sono stati sorpresi da una 65enne, proprietaria di un terreno con castagneti, che ha riferito ai militari che gli arrestati stavano rubando castagne.

I sei, una volta scoperti, dapprima con fare minaccioso hanno rivolto frasi ingiuriose nei confronti della proprietaria e successivamente, per garantirsi la via di fuga, l’hanno spinta fino a farla cadere a terra e mandarla in ospedale, dove i medici le hanno riscontrato ferite guaribili in dieci giorni.

I militari, allertati dalla centrale operativa del comando provinciale carabinieri di Cosenza, sono giunti sul posto e si sono messi alle ricerca e all’inseguimento dei sei riuscendo ad intercettarli e bloccarli, poco distanti dal castagneto, mentre cercavano di dileguarsi, a forte velocità, a bordo di un furgone poi sottoposto a sequestro.

Nella medesima circostanza veniva denunciato in stato di libertà, per l’analogo reato, un 16enne anch’egli di nazionalità rumena, il quale, unitamente agli altri, aveva partecipato al furto di castagne.

Gli arrestati, proposti anche per il provvedimento del divieto di ritorno per anni 3 nel comune di Rose (CS), sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari. Il minorenne, invece, è stato affidato ai genitori. Le indagini sono dirette dal sostituto procuratore di turno della Procura della Repubblica di Cosenza, Giuseppe Cava.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER