Morte medico a Cosenza, indagati sanitari. “Clima da caccia alle streghe”

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

medici ospedaleUna morte ritenuta “anomala” quella della dottoressa Maria Barca Garofalo, 60 anni, dirigente medico del reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Asp di Cosenza, deceduta domenica notte all’Annunziata di Cosenza dopo aver subìto un intervento chirurgico. Per questo la Procura brutia guidata da Mario Spagnuolo vuole vederci chiaro e ha aperto un fascicolo d’inchiesta per accertare eventuali responsabilità.

I magistrati hanno iscritto nel registro degli indagati alcuni sanitari. Un atto dovuto per consentire l’esame autoptico sulla salma della donna. Erano stati i familiari della donna, tra cui il marito, anch’egli medico, a presentare un esposto per chiedere di accertare se in sala operatoria tutto ha funzionato come doveva.

Intanto, c’è tensione tra il personale medico e paramedico dell’ospedale di Cosenza. Da quanto appreso, gli operatori vivono in un clima “poco sereno” dovuto da una parte a alcune morti sospette, ultima in ordine quella del medico Barca, ma anche per le recenti ispezioni disposte dalla procura cosentina che ha portato al sequestro di alcuni reparti e sale operatorie dopo le continue lamentele dell’utenza. All’Annunziata “c’è un clima da caccia alle streghe. Ci sentiamo accerchiati e operiamo nella paura”, lamentano alcuni del personale ospedaliero.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb